Hai bisogno di aiuto?

1-      Che cos’è acrygel?

2-      Perché sceglierlo?

3-      Come si applica?

4-      Gli acrygel sono tutti uguali?

5-      Meglio gel o Acrygel?

 

 

1-      CHE COS’E’ ACRYGEL?

L’acrygel è un prodotto ibrido che combina le migliori caratteristiche del Gel con quelle del sistema acrilico tradizionale, rivoluzionando completamente la tecnica di ricostruzione delle unghie.

Una ricostruzione con acrygel conferisce una lunghissima durata sulle unghie, donando una struttura flessibile, leggera e  ultra resistente.

E ’inoltre un prodotto facile da modellare, e permette di lavorare più unghie contemporaneamente senza fastidiose colature.

L’acrygel inoltre ha la capacità di polimerizzare in lampada LED o UV, e non sprigiona odori forti e sgradevoli durante la lavorazione sull’unghia, come accade invece con il sistema acrilico.

Acrygel è indicato anche per le meno esperte, dando tutto il tempo di creare la forma desiderata senza incorrere a problemi di colatura dovuti alla tempistica di lavorazione lenta.

 

2-      PERCHE’ SCEGLIERLO?

Acrygel risulta il prodotto ideale quando ci si trova di fronte ad unghie particolarmente rovinate o troppo sensibili, anche grazie al basso calore prodotto durante la polimerizzazione in lampada.

E’ anche un’efficace soluzione a piccole rotture, viene infatti utilizzato anche per riparazioni/ rimodellamento dei laterali.

Su unghie onicofagiche rappresenta un ottimo compromesso grazie all’estrema adesione all’unghia naturale, anche se grassa, e risulta molto difficile da ‘mordicchiare’, evitando spiacevoli rotture che il soggetto onicofagico tende spesso  a procurare alla sua ricostruzione.

 

 Vediamo tutti i motivi per cui dovresti scegliere acrygel:

-          Permette lavori veloci e precisi

-          Si può utilizzare per ricostruzioni correttive o semplici coperture /refill

-          Una volta acquisita una buona manualità, il tempo di limatura diminuisce vertiginosamente

-          E’ un prodotto a basso calore (generalmente, non ‘brucia’ in lampada)

-          Ha una durata di circa 5-7 giorni in più rispetto al gel su unghie molto grasse

-          Non provoca inalazioni forti e sgradevoli nell’ambiente di lavoro

-          Crea strutture sottilissime ma anti-rottura

-          Polimerizza in tempi brevi (60 sec in Led)

 

3-      COME SI APPLICA?

Generalmente, i prodotti Acrygel di alta qualità hanno un utilizzo semplice, e performance assolutamente perfette.

-          Dopo aver applicato preparatori e primer, preleva acrygel con l’aiuto di una spatola metallica

-          Applicalo sull’unghia  (per refill) o sulla Nail Form (per realizzare allungamenti)

-          Lavora acrygel utilizzando un pennello piatto con setole abbastanza rigide imbibito con sgrassatore o apposita emulsione, per poi realizzare la forma desiderata

-          Quando avrai ottenuto la forma desiderata, polimerizza in lampada

-          Se il prodotto presenta dispersione, sgrassa con un cleanser e procedi a rifinire la forma con la lima

-          Applica il colore gel o semipermanente  e polimerizza

-          Applica il sigillante e polimerizza

 

 

 

4-      GLI ACRYGEL SONO TUTTI UGUALI?

Acrygel si presenta confezionato in vasetto o tubo, ma la conservazione ideale del prodotto è quella in tubo, che è generalmente fatto con materiali resistenti e di colori scuri per evitare contatti con la luce, che potrebbero rovinarli.

 

L’acrygel in tubo è più consigliato rispetto al vasetto proprio per motivi di corretta conservazione: Quando si utilizza acrygel in vasetto, il prodotto si espone agli agenti esterni ad ogni apertura, questo può provocare l’entrata di polveri nel prodotto, e soprattutto luce (anche se artificiale).

Trattandosi di un prodotto reattivo alla luce, con il vasetto c’è il rischio che dopo molti utilizzi di acrygel, gli ultimi grammi restanti risultino inutilizzabili, perché rovinati da eventuali residui di polveri, umidità, sbalzi di temperatura e parziale indurimento del prodotto dovuto a contatti ripetuti con la luce, seppur occasionali. Questo porta ad un vero e proprio spreco, poiché acrygel avrà perso la sua texture, quindi la sua efficacia, e non potrà più essere utilizzato.

 

Per quanto riguarda il confezionamento in tubo, acrygel risulta molto più protetto: gli agenti esterni vengono a contatto esclusivamente con il prodotto fuoriuscito dal beccuccio del tubo, e non hanno possibilità di condizionare in alcun modo il contenuto  interno.

 

 Ma vediamo nel dettaglio quali sono le caratteristiche dei migliori acrygel, in modo da selezionare prodotti idonei alle nostre esigenze:

 

-          Packaging in tubo per una migliore conservazione

-          Formule no toxic (ideale se  7free)

-          Prodotto non testato su animali

-          Di un Brand specializzato nel settore, con dietro uno staff di esperti che sappia consigliarti al meglio i procedimenti di applicazione in base alle tue esigenze

-          Formula bivalente che polimerizzi sia in luce Led che luce UV

-          Scegliere  un prodotto che sia facile da emulsionare e che risulti omogeneo

-          Scegliere un prodotto versatile, che si possa utilizzare abbinato a colori gel, semipermanenti e sigillanti senza rischiare distacchi della struttura a causa di 

incompatibilità chimica.

 

5-      MEGLIO GEL O ACRYGEL?

La risposta non è così scontata, in realtà: dipende!

 

Sia Gel che Acrygel hanno delle caratteristiche specifiche, che si possono e si devono sfruttare a proprio favore, a seconda del servizio che abbiamo scelto per la nostra cliente.

 

Quando si hanno a disposizione dei prodotti di alta qualità, siamo già a metà strada: è bene però  considerare  molteplici aspetti prima di scegliere il più adatto alla nostra prossima ricostruzione, tenendo conto in primo luogo dell’unghia su cui svolgeremo il nostro servizio.

 

A livello di adesione, con l’ausilio dei giusti preparatori e primer, posso applicare sia gel che acrygel a seconda delle preferenze scelte in accordo con la cliente.

 

Uno dei criteri che può invece differenziare la tua scelta è la necessità di realizzare dei piccoli allungamenti senza cartina (nail form): in questo caso Acrygel sarà ideale, perché avrai bisogno di un prodotto che eviti colature.

 

Se invece sei di fronte ad un refill per riposizionare il punto di stress a causa della ricrescita naturale dell’unghia, il gel è consigliato grazie alle sue capacità autolivellanti che ti permettono di ritoccare la struttura velocemente e in maniera omogenea, trattandosi il gel di un prodotto più ‘autonomo’ in fase di lavorazione.

 

Ricorda sempre di considerare anche le preferenze della tua cliente: se preferisce ad esempio un unghia molto lunga ma sottile, opta per una ricostruzione in Acrygel, perché avrai meno possibilità che la struttura sia danneggiata da eventuali forti sollecitazioni.

 

Insomma, non c’è una regola precisa per preferire gel o acrygel. L’aspetto fondamentale è utilizzare sempre prodotti di altissima qualità, che ti permettano di lavorare con passaggi semplici ma performanti, senza mai rinunciare alla salute delle unghie.

 

VUOI UN PRODOTTO CHE RACCHIUDA TUTTI QUESTI ASPETTI,MA NON SAI DOVE TROVARLO?

BUONE NOTIZIE!

Abbiamo studiato, ricercato, testato e scelto il migliore, anche in rapporto qualità-prezzo!

Clicca qui

Comments (0)

Vi informiamo che il nostro negozio online utilizza i cookies
e non salva nessun dato personale automaticamente. Leggi qui